lunedì 3 aprile 2017

Vita

1 commento:

  1. Se i primi in classifica sono Norvegia, Danimarca Islanda e Svizzera mi va poi bene essere solo al 48° posto. Portare tutte le mattine mia figlia a scuola in un ex-convento del cinquecento, ammirare le tombe dei Glossatori nel tepore del sole di marzo quando vado a prendere il bus è più preziose che avere il bus puntuale o il maciapiede senza cartacce.
    La classifica della Felicità sarebbe basata su la cura della comunità, la libertà, la generosità nelle donazioni, l'onestà, la salute, il reddito e il buon governo. Insomma: "il denaro non fa la felicità" ma aiuta. Facile curare i beni comuni ed essere generosi con il superfluo, magari accantonato favorendo il malaffare nei Paesi confinanti. Sono quattro economie che non si sono impegnate enll'avventura dell'Euro, che non si sono fatti carcico dei popoli meno felici. Sono Paesi che hanno applicato su scala nazionale la grettezza che imputano a noi su scala domestica. Beh, io penso che nel cuore dela maggioranza degli italiani ci sono quei valori di umanesimo e fraternità che possono dilagare da un momento allaltro e travolgere egoismi, corruzione, politicanti e mafie.

    RispondiElimina