giovedì 22 febbraio 2018

Diplomazie

1 commento:

  1. Pensavo che la siria fosse lontana ma venerdì scorso, in Germania, sul treno si è seduto accanto a me un signore e sentendoci parlare dell'università di Clausthal è interventuto è in un buon inglese ha detto: "Anche io ho studiato lì ingegneria chimica"".
    Chiacchierando ho scoperto che è Siriano e che lì era proprietario di un grande impianto chimico che vendeva prodotti in Italia. Con la guerra è scappato in Germania dove vive facendo il traudttore dal tedesco all'arabo, il suo impiabto è stato distrutto "... ma io sono vivo" ha aggiunto.
    Tra me e me è meditato sul fatto che lui era stato un fornitore di un impresa italiana ma per sopravvivere era tornato in Germania.

    RispondiElimina